20 Red Lights

 

Il COVID-19 ha cambiato molto non solo la nostra vita personale, ma anche il modo di lavorare e la creatività della maggior parte dei progetti.

Garantiamo la sicurezza sui nostri set sia per la crew che per i clienti, seguendo a menadito le linee guida statali e impegnandoci a trovare le migliori soluzioni in ogni situazione.

È possibile filmare all’aperto?

Sì, è possibile

È possibile filmare al chiuso?

Sì, è possibile

C’è un limite di persone per entrambe le situazioni?

Sì, in base alle dimensioni del luogo dobbiamo assicurarci che ci sia almeno un metro di distanza tra tutti.

È possibile avere un sistema di streaming sul set per visionare il girato da remoto?

Sì, e abbiamo esperienza nelle riprese a distanza, anche con il regista e il DOP collegati dall’estero!

È richiesto un test COVID-19 prima delle riprese?

Tampone rapido COVID-19 consigliato 48 ore prima dello shooting (settimanale se su formati lunghi), misurazione della temperatura obbligatoria tutti i giorni.

Quali sono i protocolli di sicurezza concordati?

Ecco cosa è generalmente richiesto nei luoghi di lavoro: tampone rapido COVID-19 almeno 48 ore prima del set, responsabile Covid (ha la responsabilità di monitorare che le attività sul set siano nel pieno rispetto del protocollo), mascherine chirurgiche e FFP2, gel mani, distanza di almeno 1 metro, sanificazione dell’ambiente, pasti confezionati singolarmente, misurazione della temperatura corporea.
Cosa si consiglia di avere a disposizione: camici monouso, termometri extra, infermiere, trasporto individuale.

È consentito viaggiare nei confini italiani?

Sì, sempre concesso per motivi di lavoro.

I clienti esteri possono viaggiare in Italia? Se sì, a quali condizioni?

Chi viaggia per affari può evitare la quarantena per un soggiorno di massimo 120 ore di permanenza in Italia. La casa di produzione può facilitare la procedura.

Possibile evitare la quarantena tramite i voli Covid-tested. Numero limitato di tratte. Solo voli diretti.

Per i viaggiatori regolari, in vigore dal 17 maggio 2021:

Elenco A
Libero ingresso
da San Marino e Città del Vaticano.

Elenco B
Nessun paese rientra attualmente in questo elenco.

Elenco C
Tampone Covid negativo
entro 48 ore dalla partenza e no quarantena da: Austria (con limitazioni specifiche per la Regione del Tirolo), Belgio, Bulgaria, Cipro, Croazia, Danimarca (incluse isole Faer Oer e Groenlandia), Estonia, Finlandia, Francia (inclusi Guadalupa, Martinica, Guyana, Riunione, Mayotte ed esclusi altri territori situati al di fuori del continente europeo), Germania, Grecia, Irlanda, Israele, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi (esclusi territori situati al di fuori del continente europeo), Polonia, Portogallo (incluse Azzorre e Madeira), Regno Unito di Gran Bretagna ed Irlanda del Nord, Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna (inclusi territori nel continente africano), Svezia, Ungheria, Islanda, Norvegia, Liechtenstein, Svizzera, Andorra, Principato di Monaco.

Elenco D
Obbligo di isolamento fiduciario per 10 giorni e tampone Covid negativo
da: Australia, Nuova Zelanda, Repubblica di Corea, Ruanda, Singapore, Tailandia.

Elenco E
Possibilità di muoversi solo per ragioni specifiche
, obbligo di isolamento fiduciario e sorveglianza sanitaria all’ingresso / rientro in Italia per il resto del mondo:
Spostamenti consentiti solo per:
a) esigenze lavorative
b) assoluta urgenza
c) esigenze di salute
d) esigenze di studio
e) rientro presso il proprio domicilio, abitazione, residenza
f) ingresso nel territorio nazionale di cittadini di Stati dell’Unione europea, area Schengen, Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord, Andorra, Principato di Monaco, Repubblica di San Marino, Stato della Città del Vaticano e loro familiari
h) ingresso nel territorio nazionale di cittadini di Stati terzi soggiornanti di lungo periodo o aventi il diritto di residenza e dei loro familiari
i) ingresso nel territorio nazionale per raggiungere il domicilio, l’abitazione o la residenza di una persona anche non convivente con la quale vi è una comprovata e stabile relazione affettiva.
E prevedono l’obbligo di comunicare immediatamente il proprio ingresso in Italia al Dipartimento di Prevenzione dell’azienda sanitaria competente per territorio e l’obbligo di isolamento fiduciario e sorveglianza sanitaria per un periodo di 14 giorni.

Fonte

 

AGGIORNAMENTO

Accesso non consentito in Italia per chi arriva da Brasile, India, Bangladesh o Sri Lanka, o ha soggiornato / transitato in quei paesi nei 14 giorni precedenti all’arrivo in Italia.

Ultimo aggiornamento: 27 Maggio 2021